Analisi del dollaro neozelandese: NZD / USD si indebolisce a causa di una più ampia avversione al rischio

In tempi recenti Analisi del dollaro neozelandese: NZD / USD si indebolisce a causa di una maggiore avversione al rischio del paniere. Questo rapporto spiega che, sebbene l’economia neozelandese si sia ripresa di recente, c’è ancora molto vantaggio per gli investitori che cercano di acquistare in un’economia più forte. Il recente taglio dei tassi di interesse da parte della Reserve Bank of New Zealand (RBNZ) dovrebbe fare di più per sostenere la spesa dei consumatori e la crescita economica guidata dai consumatori. Di conseguenza, l’indice del dollaro neozelandese (NZD) si è rafforzato nelle ultime settimane e ora sembra più forte di molte altre principali coppie di valute. Se stai pianificando di negoziare il NZD, è importante che tu capisca che stai per fare trading contro un mercato molto più espansivo e volatile. Il seguente articolo esaminerà queste informazioni riguardanti il ​​legame debole tra il dollaro neozelandese (NZD) e i mercati azionari.

Una delle prime cose che vorrei discutere in questa analisi del dollaro neozelandese: la debolezza della coppia NZD / USD si trova quando viene utilizzata per l’indice azionario americano (ASX). Quando si confronta l’ASX con il dollaro neozelandese, si scopre che l’ASX è piuttosto debole, con condizioni di ipervenduto. Anche i mercati obbligazionari in Nuova Zelanda sono stati molto sensibili di recente, con molte società (come Glencore, Energybank e Inquiry) che hanno avuto problemi a raccogliere nuovi affari e perdere quote di mercato. Molti esperti ritengono che ci siano alcuni problemi futuri significativi con il mercato obbligazionario neozelandese e la debolezza del NZD.

Da un punto di vista tecnico, un’altra cosa che salta fuori è il fatto che il dollaro neozelandese è stato rafforzato rispetto a molte delle principali valute, in particolare l’euro e la sterlina britannica. Tuttavia, da una prospettiva ampia, uno dei principali indicatori di forza osservati nel mercato obbligazionario neozelandese è la forza relativa del dollaro. Ci sono molte ragioni tecniche per questo, che descriverò più dettagliatamente in questa relazione, ma basti dire che quando il governo della Nuova Zelanda ha iniziato ad aumentare il NZD per rafforzare l’economia, la valuta si è rafforzata rispetto alla maggior parte delle valute principali. La combinazione di forti dati economici e bassa inflazione, oltre alle prospettive positive per l’economia neozelandese e al forte dollaro neozelandese, lavorano tutti insieme per sostenere la forza del dollaro neozelandese.

Detto questo, cosa significa questo per gli investitori che stanno considerando di investire nell’economia neozelandese? Innanzitutto, ciò significa che ora dovresti essere in grado di trovare prodotti obbligazionari di buona qualità nel mercato neozelandese, nonostante la recente debolezza del mercato obbligazionario. Inoltre, ora sono disponibili molti più dati economici da analizzare dal punto di vista degli investitori, inclusi i dati sul surplus, i dati sulla spesa dei consumatori e sull’inflazione. Come ho accennato nel mio ultimo blog, la combinazione di dati economici solidi e bassa inflazione ha significato che i prezzi delle obbligazioni sono scesi su tutta la linea nell’ultimo anno o giù di lì, lasciando molti neozelandesi che stanno lottando per effettuare anche i pagamenti minimi mensili necessari.

Nonostante la recente debolezza del dollaro neozelandese, ciò non si traduce necessariamente in cattive notizie per coloro che operano da tempo nei mercati del debito nazionale del paese. Per prima cosa, significa che i tassi di interesse sono ancora relativamente bassi rispetto ad altre parti del mondo sviluppato, il che significa che puoi potenzialmente guadagnare un bel po ‘di soldi se sai come farlo bene. Se hai accesso alla ricerca giusta, puoi facilmente trasformare una perdita abbastanza piccola in un profitto sostanziale, soprattutto se approfitti di un’analisi tecnica buona e affidabile per identificare i momenti migliori per acquistare, oltre che per vendere in questi periodi. Se non sei così interessato al lato tecnico, non preoccuparti: puoi comunque trovare molte informazioni interessanti e utili sulla Nuova Zelanda e sulla sua economia attraverso il nostro strumento di ricerca di investimenti online gratuito, che ti dà la possibilità di identificare cosa fare dopo.

Buone notizie anche sul fronte interno in Nuova Zelanda, nonostante i recenti problemi finanziari. Sebbene i numeri in eccedenza rimangano elevati, intorno al 7%, il reddito familiare è effettivamente aumentato nell’ultimo anno, con l’aumento dei salari che ha colpito sia l’estremità superiore che quella inferiore del mercato. Se sei preoccupato per il mercato immobiliare, non è necessario: le vendite complessive di case sono aumentate negli ultimi mesi ei prezzi delle case sono in aumento. Come dimostrano questi numeri, qualcosa nell’economia interna della Nuova Zelanda sta funzionando bene.

L’ultima parte di questa analisi NZD: cosa fare se l’economia non è forte come l’umbrato. Alcuni analisti hanno suggerito che il tasso di crescita relativamente basso della Nuova Zelanda (il più basso nel mondo sviluppato) potrebbe frenare l’attività economica nei prossimi trimestri, ma fintanto che il governo continua a fornire un supporto stabile, dovremmo aspettarci una crescita dell’economia nel prossimi anni. La chiave per farlo è avere accesso a denaro internazionale a buon mercato, di cui la Nuova Zelanda gode da tempo, espe